Questo sito utilizza cookie di terze parti per cui è necessario il tuo preventivo consenso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui: Dettagli

Accetto cookies
N. 3 - Settembre 2018 C&M, Rivista scientifica ambienti assistenziali

N. 3 - Settembre 2018 C&M


Condividi sui social

«La casa non è che l’uomo esteriorizzato», scriveva Frank Parsons, e da quest’idea noi siamo partiti per orientare le nostre riflessioni, per studiare un mondo di servizi per anziani che sia davvero migliore. Abbiamocompreso che non basta fermarsi alle buone pratiche dei professionisti e a una visione di «cura» alternativa,serve qualcosa di più: serve un nuovo concetto di «casa». Se è vero che la casa non è altro che la rappresentazione concreta dell’uomo che la abita, allora bisogna chiedersi se i servizi in cui ospitiamo i nostri anzianisiano le giuste dimore, capaci di rispondere a tutti i loro bisogni e di rappresentarli adeguatamente. Su questo tema abbiamo insistito nei numeri precedenti – con un approfondimento sulla Residenzialità Leggera – econtinuiamo a occuparcene, parlando ora di domiciliarità e presentando l’edizione 2019 del Meeting delleProfessioni di Cura, intitolata appunto Oltre la cura: la Casa