Conferenza Stampa a Palazzo Madama per “Mi ricorderò per sempre”: 14 giugno h 12 alla sede del Senato

Il libro pubblicato da Editrice Dapero “Mi ricorderò per sempre” (a cura di Paola Cattin e realizzato grazie alla collaborazione di UNEBA Lombardia) continua a fare il suo viaggio e a diffondere le voci e le emozioni di quel che è accaduto nelle RSA lombarde durante la pandemia.

Questa volta approda in uno dei posti più rappresentativi delle nostre istituzioni: Palazzo Madama, sede del Senato.

La casa Editrice, grazie all’iniziativa proposta dalla Senatrice Simona Malpezzi, sarà presente insieme a Paola Cattin per sostenere il messaggio, la voce e il cuore di questo testo.

La conferenza stampa si terrà martedì 14 giugno presso la Sala Caduti di Nassirya (Piazza Madama, Roma) alle h 12.

Per i giornalisti e i partecipanti della sessione:

  • L’accesso alla Sala – con abbigliamento consono, e per gli uomini, obbligo di giacca e cravatta – è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.
  • Per l’accesso in Senato è necessario indossare correttamente una mascherina FFP2.
  • Gli operatori ed i giornalisti devono accreditarsi scrivendo a info@editricedapero.it (richiedere alla casa editrice la possibilità di partecipare in presenza).
  • Sarà possibile seguire l’evento online, in diretta streaming su webtv.senato.it e sul canale YouTube del Senato Italiano (https://www.youtube.com/user/SenatoItaliano)

Evento formativo: “Al di là di ogni pregiudizio. Per una cura a misura della persona anziana”. Roma, 7 luglio in collaborazione con la Fondazione Alberto Sordi.

Abstract evento:

I gesti di buona cura verso l’anziano sono il risultato di una cultura che è capace di valorizzare e incontrare la Persona autenticamente, al di là degli stereotipi e dei pregiudizi legati all’età.

Durante l’incontro si partirà dal tema dell'”ageismo“, neologismo che rappresenta forme di pregiudizio e discriminazione nei confronti di una persona in ragione della sua età, per descrivere comportamenti e prassi purtroppo diffuse in tanti contesti sociali e di cura, dalle abitazioni, alle strutture residenziali, collettivamente tollerate e giustificate.


Si proseguirà con relazioni che faranno riscoprire il valore della persona anziana nei gesti di cura per mettere in atto la tanto ambita rivoluzione della tenerezza.

Quindi, verrà trattato il tema dell’incontro fra generazioni differenti, non solo come possibile, ma anche come foriero di valore sociale; e verranno raccontate esperienze concrete di accoglienza, maturate in alcune realtà assistenziali di valore.


Grazie alla collaborazione con l’Associazione Aster Cultura, nell’incontro verrà dato spazio alla Lettura teatrale di brani tratti da Ageismo. Il mistero del nome perduto di Luca Lodi da parte di alcuni attori e musicisti.



La partecipazione al convegno è libera previa iscrizione al form. Compilalo premendo il bottone sottostante.


Durante l’evento verrà presentato “Ageismo. Il mistero del nome perduto“, di Luca Lodi, ed. Dapero 2022.

Un romanzo dall’atmosfera thriller che fa riflettere sui pregiudizi legati all’età anziana.

https://www.editricedapero.it/prodotto/agesimo/


Contatti e info:
info@editricedapero.it – 3925794898.

“Sostenere senza contenere: uno sguardo accogliente per la persona con demenza” – il convegno dell’Associazione “Al Confine” il 14 maggio a Milano

L’associazione “Al Confine” di Milano organizza il convegno il 14 maggio 2022 presso il “Centro Coscienza” (Corso di Porta Nuova, 16, Milano) dalle 9 alle 13, dedicato a tutti i professionisti della cura.

ABSTRACT:

Il Metodo Validation® nasce per migliorare la relazione di cura nella demenza. Propone tecniche di comunicazione che vanno a supportare anziani ed operatori, partendo da una visuale differente sul comportamento “disturbato” che viene letto come espressione di un bisogno.

Una delle tante ricadute di un atteggiamento accogliente e legittimante è la diminuzione di necessità di contenzione, fisica o farmacologica, in quanto diminuisce la necessità di legittima difesa da parte della persona confusa e disorientata.

In questo seminario, partendo dall’esperienza e dal pensiero di Tom Kitwood, vorremmo proporre un dibattito sull’importante argomento della contenzione ed esplorare i possibili strumenti validanti a favore della diminuzione della necessità di contenere.

INTERVENTI:

  • Silvana Botassis (Associazione Al Confine): Spostare lo sguardo dalla demenza alla persona;
  • Vania Martinelli e Cinzia Siviero (Agape Avo): Il metodo Validation®, andare oltre la contenzione;
  • Giulia Dapero (Editrice Dapero): modera e introduce il dibattito.

Destinatari:

Animatori, ASA, OSS, Coordinatori, Educatori Professionali, Fisioterapisti, Infermieri, Logopedisti, Medici, Operatori domiciliari, Psicologi, Terapisti Occupazionali.Accreditamento:

Richiesto l’accreditamento di 6 crediti Crediti ECM.

Costo iscrizione: 40€

INFO E ISCRIZIONI: per iscriversi rivolgersi alla segreteria del Centro Coscienza scrivendo una mail a segreteria@centrocoscienza.it o chiamando il 338.3866671 (Manuela)

Clicca qui per scaricare la locandina con il programma completo.

Numero max partecipanti: 50

“Rinata”: una nuova associazione per far rifiorire il management e i professionisti sociosanitari dopo la crisi.

Diretta facebook dalla pagina di CURA: 17 marzo h 17.30

Introduce: Elena Weber (Direttore generale Istituto Regionale Rittmeyer per i ciechi – Trieste).
Intervengono: Franco Iurlaro (Consulente direzionale e formatore in organizzazione aziendale), Letizia Espanoli (Founder Sente-Mente® Project e Presidente Letizia Espanoli Group Srl).

Abstract:

Come professionisti della cura abbiamo la responsabilità di “raccogliere” la lezione imparata dalla pandemia. Ci attende una trasformazione inevitabile, ma è necessario avere una rotta e tracciare un percorso di cambiamento possibile.

Nella diretta partiremo da alcune domande: come sono cambiate le diverse figure professionali del settore in tempo di pandemia? Come immaginiamo il loro futuro?
E ancora: quale management è più adatto a indirizzare il futuro dell’assistenza? E come possiamo essere leader che conducono i professionisti a essere parti attive di una cultura aziendale più inclusiva?

La data dell’incontro non è casuale. In occasione del primo anniversario dalla scomparsa, renderemo viva l’ispirazione che ci ha lasciato Renato Dapero e che ha portato alla costituzione di una nuova Associazione per il settore, “Rinata”, che ambisce a costruire una cultura della cura che sia in grado di parlare a tutti e di andare oltre le differenze geografiche o di professione.

Destinatari: tutti i professionisti dell’assistenza all’anziano e tutti gli interessati al tema della cura.

Si potrà seguire l’incontro dalla pagina Facebook di CURA oppure via zoom previa iscrizione.

Se hai bisogno di saperne di più contattaci: info@editricedapero.it – 392.5794898

«AGEISMO. Il mistero del nome perduto»: il nuovo romanzo di Luca Lodi in chiave sociosanitaria. Una storia di misteri e pregiudizi sull’età anziana.

La presentazione del libro l’8 marzo in diretta facebook dalla pagina di Editrice Dapero.

Dalla penna di Luca Lodi, autore di “Lunafasia. La magica notte di un OSS”, un nuovo romanzo che ci trasporterà in una storia dall’atmosfera thriller e che ci farà riflettere sui pregiudizi legati all’età anziana.

Qui si racconta la storia di Chiara, un’educatrice professionale, che vivrà situazioni rocambolesche e dovrà scegliere se seguire una scia di indizi lasciati da un personaggio misterioso. Si imbatterà in un libro istigatore, in una parola di vetro e persino in una melodia che solo lei riesce ad ascoltare. Incontrerà anche persone che piangono senza lacrime e persone delle quali talvolta lei stessa non riesce a ricordare il nome. Accanto a lei Mirror Queen, il suo diario, e Pai, il suo soffice gatto rossiccio. Alleati preziosi che la aiuteranno a comprendere la verità ultima che il libro vuole trasmettere: ogni vita è degna di un nome.

Una curiosità: “Ageismo – leggiamo nel libro – è un inglesismo (in inglese: Ageism) che indica la discriminazione nei confronti di una persona in base alla sua età”.

L’APPUNTAMENTO IN DIRETTA FACEBOOK L’8 MARZO

Il libro verrà presentato dall’editore (Editrice Dapero) e dall’autore (Luca Lodi) in occasione della data di uscita: l’8 marzo 2022, h 17.00 in diretta Facebook dalla pagina dell’editore. Sarà l’occasione per riflettere insieme su tutti i pregiudizi che offuscano la terza età.

L’evento potrà essere seguito anche via ZOOM previa iscrizione al form. Clicca al bottone sottostante per iscriverti.

«Puoi comprendere L’Ageismo se vedi nell’anziano La persona. Solo allora tutto ti sarà chiaro».

“Vecchi e attivi: l’active aging come stile di vita” – diretta facebook il 25 febbraio h 17.00

Active aging: alla scoperta del significato di “invecchiamento attivo” a partire dalle riflessioni su cinema e letteratura insieme a Francesco Mosetti d’Henry, co-autore de “La stagione del raccolto“.

Perché parlarne?

Nascondere la vecchiaia o espellerla sostituendola con l’immagine di “anziano smart” eternamente giovane non ha nulla a che vedere con l’invecchiamento attivo.

Active aging è un modello, uno stile di vita costruito sulla base di consapevolezza, autonomia, libertà e profonda accettazione di sé. È il modo che abbiamo per vivere la vecchiaia come un’occasione e non come una perdita.

Non è scontato accettare di avvicinarsi all’età più matura della propria vita, sappiamo bene. Il perché? perché non abbiamo mai voluto davvero capire cosa sia la vecchiaia e, secondo, perché non ci è mai venuto in mente che possa essere una bella età.

Dopo i tentativi di arginamento del corso della vecchiaia che ci vengono proposti da una certa medicina (anti-aging) e le influenze culturali sull’invecchiamento, l’ ageismo, che lo vedono spesso con occhi stereotipati e negativi, oggi affrontiamo la sfida di guardare la vecchiaia con lenti positive e curiose.

Lo facciamo insieme a Francesco Mosetti d’Henry che ha individuato nel cinema uno strumento per comprendere la vecchiaia e per vederla come “La stagione del raccolto” e insieme ad altri ospiti.

Ci trovate in diretta Facebook dalla pagina di Editrice Dapero. Sarà possibile seguire l’evento anche da zoom previa iscrizione.

Intervengono:

Adriana Tidona (Editrice Dapero)

Francesco Mosetti d’Henry (Ass. Sociale, Master Metodo Validation, co- autore de “La stagione del raccolto”)

Mauro Cauzer (Psicoterapeuta, co- autore de “La stagione del raccolto”)

Alan Viezzoli (Critico cinematografico, co- autore de “La stagione del raccolto”)


Il libro da cui ci ispireremo per l’incontro:

“La stagione del raccolto. Il cinema come strumento per comprendere la vecchiaia” (ed. Dapero 2021)


Contatti:

info@editricedapero.it – 392.5794898.

Evento online: “Dove ti porto?” Riflessioni sul fine vita: dai tabù alle forme di accompagnamento possibili – 28 gennaio

“Dove ti porto?” Riflessioni sul fine vita: dai tabù alle forme di accompagnamento possibili è il titolo dell’evento online gratuito organizzato da Editrice Dapero in collaborazione con ANIN (Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze).

Il 28 gennaio 2022 h 17.00 18.00 insieme ad alcuni esperti parleremo dei pregiudizi che si legano al tema del fine vita e di come si possano superare in vista di un’assistenza alle persone durante le ultime fasi della loro vita che sia dignitosa e il più rispettosa possibile.

Destinatari: l’evento è pensato per tutti i professionisti della cura alla persona (sanitari e non) impiegati nei servizi, psicologi, interessati al tema del fine vita.

Abstract:

Lavorare sul fine vita ci impone una riflessione sul concetto di “limite”, sia quello che riguarda la nostra vita, sia quello che riguarda la nostra cultura. Durante questo evento proveremo a tracciare alcuni percorsi possibili per “andare al di là” delle nostre resistenze culturali, individuando i principali tabù che si legano al tema del fine vita e le loro implicazioni pratiche e assistenziali.

Alla luce di queste riflessioni e di ciò che abbiamo imparato durante la pandemia, insieme agli esperti ci chiederemo che cosa significhi accompagnare una persona alla fine della vita; come ripesare il ruolo dei professionisti e che tipo di ambienti di cura immaginiamo per il futuro.

Intervengono:

Marina Sozzi (Direttrice Associazione SAMCO, ideatrice e autrice del blog “Si può dire morte): le difficoltà della nostra cultura a rapportarsi con la morte e le conseguenze di questo approccio negli ambienti di cura.

Elisa Mencacci (psicologa e tanatologa, autrice per Editrice Dapero): uno sguardo sulla cultura assistenziale di oggi nelle RSA e negli Hospice: quali percorsi possibili per accompagnare le persone e le loro famiglie alla fine della vita? Quali complicazioni esistono con la demenza?

Federica Dotta (Direttrice del Rifugio Carlo Alberto, Coordinatrice infermieristica): Fine vita in RSA. L’esperienza del Rifugio Re Carlo Alberto e il ruolo degli infermieri nell’accompagnamento a fine vita della persona con Demenza.

Federico Cortese (Infermiere, redattore rivista NEU): essere professionisti della salute e assistere al fine vita: quali competenze sviluppare?

Massimo Savio: dalla comunità amica delle persone con demenza a una comunità inclusiva in tema di fine vita: siamo lontani?

Moderano: Adriana Tidona (Ufficio Stampa Editrice Dapero) e Francesco Casile (Direttore scientifico rivista NEU)

PARTECIPAZIONE:

L’evento sarà visibile via ZOOM previa iscrizione attraverso form (cliccabile dal bottone sottostante) oppure in diretta facebook dalla pagina di Editrice Dapero (clicca qui per andare alla pagina).


Una volta compilato il form di iscrizione si ricevono in automatico le credenziali dell’aula zoom sulla propria mail.

Contatti:

info@editricedapero.it – 392.5794898.

“La Medicina Narrativa nei luoghi di cura. Valorizzare i vissuti, le storie e le emozioni dei pazienti, dei famigliari e degli operatori” – Webinar gratuito in diretta facebook

Un’ora di approfondimento sulla Medicina Narrativa insieme all’esperta Danila Zuffetti per comprendere l’importanza della narrazione nelle esperienze di cura al fine di elaborare fino in fondo la malattia e di accogliere la persona curata coi suoi bisogni e coi suoi cambiamenti e l’esperienza stessa del curante.

Data e ora: 11 novembre h 17.00 -18.00

Abstract evento: La premessa alla base della Medicina Narrativa è che per comprendere l’altro sia necessario entrare nel suo mondo, guardarlo, interpretarlo attraverso i suoi occhi, immergersi nella sua storia e indagare minuziosamente i cambiamenti della sua vita e del suo corpo.

La Medicina Narrativa è un approccio alla malattia teso a comprenderne il significato, in un quadro complessivo e rispettoso della persona assistita.

Attraverso la valorizzazione della storia della persona, questa metodologia si indirizza all’identificazione delle problematiche e delle sofferenze fisiche e psicologiche del malato, allo scopo di stabilire le priorità e attuare coerentemente gli interventi di cura e di accompagnamento.

Senza narrazione il paziente non è in grado di trasmettere ciò che sta attraversando, allo stesso modo un professionista della salute non “vede” la malattia se non ha modo di raccontare o scrivere.

Programma:

• Lettura di due spezzoni di narrazioni

• Che cos’è la medicina narrativa e la postura narrativa

• L’importanza di raccogliere e condividere i bisogni di curati e curanti

Destinatari: tutti i professionisti/operatori della cura -formatori- educatori (RSA, CURE PALLIATIVE, OSPEDALI, AMBULATORI), caregiver.

Docente: Danila Zuffetti (Educatrice, formatrice, esperta di Medicina Narrartiva)

Dove seguirlo?

  • Live ZOOM >> Per accedere all’aula ZOOM è necessario compilare il seguente form online.

Webinar gratuito: “Innovazione tecnologica nei servizi per anziani: dai pregiudizi alle opportunità da cogliere” – 12 ottobre h 17.30

Editrice Dapero è lieta di invitarvi a partecipare al webinar gratuito dal titolo “Innovazione tecnologica nei servizi per anziani: dai pregiudizi alle opportunità da cogliere” il 12 ottobre p.v. h 17.30 – 19.00 su piattaforma ZOOM.

Abstract:

L’innovazione tecnologica per i servizi rivolti agli anziani è spesso ostacolata da informazioni imprecise e false credenze. Insieme a Roberto Salamina, consulente esperto di tecnologia, vedremo oggi i principali pregiudizi di cui è vittima la cultura della cura e proveremo a decostruirli con l’aiuto di voci esperte nel settore.

A completamento verrà presentata una soluzione tecnologica semplice e innovativa per migliorare la vita dell’anziano e verrà introdotto il tema del credito di imposta per capirne funzionamento e potenzialità per il settore.

Interventi:


Introduce e coordina: Roberto Salamina (The Silver Era)

  • Quali pregiudizi ostacolano la diffusione tecnologica in RSA?

Roberto Manenti (imprenditore, Sicurphone) e Giuseppe Azzolari (direttore di RSA):

  • Sicurphone: soluzione innovativa a portata di anziano

Stefania Esposito (COO & Founder di Blue Ocean Finance)

  •  Credito d’Imposta Industria 4.0 e Simest Fiere e Mostre: come agevolare le spese in macchinari ed eventi di settore.
     

Destinatari:
tutti gli interessati al tema della tecnologia, direttori di struttura, responsabili dei servizi sociosanitari.

Discussione:
Roberto Salamina risponde ai dubbi, alle domande, alle case history dei partecipanti.

Partecipazione:

La partecipazione al webinar è libera e gratuita previa iscrizione.

Contatti:

info@editricedapero.it – 392.5794898.

Webinar gratuito: “Il Metodo Validation® incontra l’infermieristica: empatia e relazione a sostegno del prendersi cura – giovedì 30 settembre h 17.30E

Editrice Dapero e l’Associazione Anin (Infermieri per le Neuroscienze) vi invitano al webinar gratuito: “Il Metodo Validation® incontra l’infermieristica: empatia e relazione a sostegno del prendersi cura” che si terrà online su piattaforma zoom il 30 settembre p.v. alle h 17.30.

Abstract evento:

Il Metodo Validation® trova la sua maggiore efficacia presso la popolazione anziana, soprattutto se affetta da demenza, e nasce per migliorare la relazione di cura insegnando al caregiver l’accettazione di “ciò che è” e di “ciò che non è più” nella persona anziana.

L’empatia, la comunicazione e l’accoglienza emotiva sono i pilastri del metodo che, proprio per il loro carattere umano e trasversale, possono trovare applicazione in ogni contesto di cura, non solo in quella rivolta agli anziani.

Oggi vedremo in che misura il Metodo si possa legare alla professione infermieristica e in che modo possa essere utilizzato sia a sostegno della relazione coi pazienti, sia nella formazione dei professionisti sanitari.

Intervengono:

  • Cinzia Siviero (Master Metodo Validation, Fisioterapista e autrice del volume “Non trovo le parole”): Il Metodo Validation: la comunicazione come passpartout di ogni relazione di cura;
  • Francesco Casile (direttore scientifico rivista NEU): L’infermiere oltre i pregiudizi: chi è e di che cosa dovrebbe occuparsi?
  • Letizia Maria Vola (Docente e tutor pedagogico – Corso di Laurea in Infermieristica): Il Metodo Validation per la formazione infermieristica: quali vantaggi?
  • Eleonora Gallo (Coordinatore infermieristico area geriatrica): Il Metodo per la pratica quotidiana di cura e assistenza negli ospedali e nel territorio.

    Modera: Adriana Tidona (Ufficio stampa Editrice Dapero).

Destinatari: infermieri, operatori della cura e caregiver.

Modalità di partecipazione:

Iscrizione attraverso form.

Piattaforma: ZOOM

L’evento sarà anche trasmesso in diretta dalla pagina Facebook di Editrice Dapero.


Contatti: info@editricedapero.it – 392.57948

Vuoi approfondire il Metodo Validation®? Leggi “Non trovo le parole” di Cinzia Siviero e Silvia Pellegrini.

Libro Non trovo le parole